La prima assemblea mondiale del 1948 decise di istituire una giornata dedicata alla salute in tutto il modo, dal 1950 la giornata mondiale della salute si celebra il 7 aprile, è un’occasione per promuovere a livello globale la sensibilizzazione su argomenti importanti di salute pubblica per migliorare le condizioni di salute in tutto il mondo.

Essere sani non significa “non essere malati”: secondo la definizione formulata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la salute non si definisce come assenza di malattia ma come lo “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale”.

Di certo i cambiamenti economici, tecnologici e sociali avvenuti negli ultimi 50 anni hanno determinato una vera e propria rivoluzione nelle abitudini giornaliere dell’uomo: ci spostiamo prevalentemente con i mezzi pubblici o privati, consumiamo pasti fuori casa non sani, il tempo libero viene sovrastato dalle attività lavorative.

Tali abitudini si ripercuotono sul nostro corpo. Tuttavia per essere in salute non servono scelte drastiche, ma piccoli gesti quotidiani che ci portiano a un maggiore consapevolezza.

Mangiare meglio e avere un sano rapporto con il cibo non basta a riparaci dalle malattie se si conduce una vita sedentaria. Infatti, l’inattività fisica è il quarto più importante fattore di rischio di mortalità a livello mondiale.

Il movimento permette un migliore afflusso di sangue e quindi una migliore ossigenazione di tutti gli organi, aumenta il metabolismo basale e previene le condizioni di sovrappeso corporeo e obesità, influisce sui meccanismi adibiti al metabolismo degli zuccheri e produce endorfine, le sostanze che regolano il buon umore.

La salute dipende non solo dalla quantità di ore dormite ma anche dalla qualità, per consentire il pieno recupero delle energie fisiche e psichiche consumate nell’arco della giornata.

È indispensabile assumere almeno 2 litri di acqua al giorno per il corretto svolgimento di tutti i processi fisiologici e delle reazioni biochimiche che avvengono dentro il nostro corpo; inoltre l’acqua è il mezzo necessario attraverso cui sono eliminate tutte le sostanze di scarto derivanti dai processi biochimici.

Bisogna evitare diete dimagranti sbilanciate e fai da te ed essere maggiormente consapevoli dell’educazione alimentare, per sé stessi e per i propri famigliari.

Per ottenere i massimi benefici abbina un’alimentazione equilibrata con una corretta integrazione. A questo proposito, perfettamente in linea e complementare con la tua dieta: Nutrycell che, con la sua composizione, contrasta l’acidificazione, aiuta a ridurre i radicali liberi, ha potere antiossidante e protegge le cellule dallo stress ossidativo in quanto le ossigena!  

Scoprilo qui: http://bit.ly/NutrycellComèFatto

Scrivi una mail a info@avessence.com e ricevi una consulenza gratuita con uno dei nostri esperti.